Info & Prenotazioni+39 0961.962072
( Fuori stagione dopo le 20.00 )

I dintorni

L'Antica Cropani

Cropani: antico centro medievale posto in una posizione incantevole, da cui si gode il bellissimo panorama del golfo di Squillace e del Mar Ionio.

Il borgo, fondato prima dell'anno 1000 e distrutto dai turchi nel XVI sec., presenta nella chiesa matrice (Collegiata dell'Assunta-Duomo) un vero gioiello architettonico caratterizzato dal grandioso portale sormontato da un rosone a ruota lobata e all'interno tale di enorme valore e interesse. Sarà inoltre possibile visitare laboratori artigiani dediti all'arte del ricamo e del ferro battuto.(km 7)

Antichi borghi e superbi castelli

Santa Severina: antico centro del marchesato crotonese, posto in una posizione panoramica, dominante la valle del fiume Creto. 

La cittadina è di impianto medievale, le sue origini risalgono al 500 a.C. quando era nota col nome di Siberene. Proprio per la sua ubicazione fu dominata da diverse popolazioni; arabi, bizantini, normanni, svevi e angioini. E' famosa per il suo castello fortezza, risalente al periodo bizantino e ricostruito dai normanni nel sec. XII, recentemente restaurato.(km 40)


Le Castella: caratteristico borgo marino noto per il suo castello aragonese, situato su un isolotto collegato alla terra ferma da un sottile lembo di terra. 

Da qui parte la riserva marina di Isola Capo Rizzuto che offre agli amanti del sea watching la vista di una vasta prateria di posidonie e antichi relitti oltre che di innumerevoli specie ittiche.(km 20)

Curiosare tra i fondali marini

Area Marina Protetta "Capo Rizzuto": una distesa di mare che si estende per oltre 13.500 ettari, un luogo dove la storia millenaria aleggia tra le bellezze paesaggistiche e l'ambiente sommerso: è questo il patrimonio dell'area Marina Protetta "Capo rizzuto".

Uno scorcio di mare nel mediterraneo caratterizzato dalla particolare costa rocciosa che conserva intatta la macchia mediterranea dominata da una fitta pineta con lentischi, timo, erba cristallina, mirto, capperi, tamerice, ginestra e ginepro. Ma sono soprattutto i fondali che fanno dell'area Marina Protetta un ambiente unico: le praterie di posidonie oceanica, il sarago fasciato, cernie, barracuda, tonnetti e a volte delfini. L'Ente Gestore mette a disposizione dei visitatori alcuni servizi invitanti: corse su battelli a fondo trasparente, immersioni guidate, la possibilità di trascorrere una intera giornata insieme ai pescatori professionisti del luogoe praticare attraverso pescherecci autorizzati pesca-turismo.(km 20)

A chi piace il trekking

Valli Cupe: il territorio delle Valli Cupe e del monte Raga è situato nella fasciamediterranea ionica tra 300 e500 mt. sul livello del mare nel comune di Sersale.

Le Valli Cupe riservano all'escursionista un paesaggio stupendo caratterizzato da altissime pareti di colore rossastro nelle quali sono scavati caratteristici crepacci dilatati dagli uccelli, tra cui rapaci, che scelgono questo posto indisturbato per la nidificazione. Le pareti, molte, nascondono l'ingresso a un meraviglioso canyon. Il canyon, con le sue cascate e le pareti tortuose che tendono a incontrarsi in alto, oscurano il cielo creando un habitat ideale per specie animali e vegetali protette e rare.(km 15)

Per gli appassionati di archeologia

Capo Colonna: la punta più a oriente della Calabria. Situata su un promontorio a picco sul mare, conserva una colonna dorica, unica testimonianza di un tempio greco dedicato a Hera Lacinia, santuario degli italioti del golfo di Taranto. All'origine le colonne erano 48 e pare che siano sopravvissute fino al 1500. (km 30)


Parco "Scolacium" di Roccelletta di Borgia: presenta testimonianza della Magna Greciaquali il foro, le basiliche, gli edifici religiosi, il teatro ed un anfiteatro in gran parte interrato. Adiacente all'area si trovano i resti della basilica di S.ta Maria della Roccelletta di origine normanna, un tempo la chiesa più grande della Calabria.(km 40)

Per spezzare la bella monotonia della vita da spiaggia

Parco Nazionale della Sila: la Sila costituisce uno stupendo altopiano dalle singolari caratteristiche che lo rendono "diverso" dal resto dell'appennino. Gran parte di questo immenso altopiano è dal marzo 2001 tutelato dal "Parco Nazionale della Sila".

Boschi che si perdono a vista d'occhio, profumate pinete, annosi castagni prodighi di frutti, macchie variegate di ontani e faggi e, infine, il magnifico abete bianco preziosa figura di un microcosmo misterioso e affascinante. Numerosi laghi, sorgenti cristalline, ruscelli fragorosi spezzano la magnifica solitudine dei boschi abitati da numerose specie animali e floreali. Uno scrigno di natura che la Calabria custodisce.(km 50)

Per chi ama la pittura

Taverna: importante centro della presila catanzarese, immerso nel verde, le cui origini risalgono alla mitica città greca "Trischise" oggi famosa per il suo cittadino più illustre: il pittore Mattia Preti, cavaliere di Malta.

Il piccolo borgo presenta un prezioso patrimonio artistico culturale, legato all'opera di Mattia Preti e del meno noto fratello Gregorio. Le loro tele sono tutt'oggi conservate nelle stupende chiese di Santa Barbara e San Domenico e nel museo civico.(km 60)